Come investire al giorno d’oggi

Come investire oggi

L’argomento che mi accingo a trattare con questo articolo è ricco di sfumature, infatti, le tecniche su come investire oggi, sono influenzate da tutta una serie di fattori che bisogna accuratamente considerare.

Non voglio annoiarti con un lungo e complicato trattato di finanza ed economia, quindi cercherò di andare al dunque toccando solo i punti salienti e, se vuoi, puoi approfondire l’argomento cliccando sui vari link che ti fornirò lungo l’articolo.

Quello che mi preme che tu capisca è che devi prestare la massima attenzione in quanto ne va della sorte dei tuoi soldi!

La prima cosa che devi considerare quando devi investire del denaro è il motivo stesso che ti spinge ad investire soldi oggi.

Potresti pensare che è un cosa semplice: “ovvio che voglio investire denaro per guadagnare”. No, non è così semplice e scontato… Si possono investire soldi per svariati motivi e non per forza, questi motivi, sono legati al rendimento dell’investimento.

Argomenti dell’articolo:

Come investire 10.000 euro

Continuo la serie dei video su come investire trattando quella che secondo me è la cifra entry-level di chi vuole veramente investire, cioè su come investire 10.000 euro!

Parlo di cifra entry-level in quanto è la prima vera soglia di investimento che permette di investire veramente, anche se di certo non è che permetta ampi movimenti, ma almeno permette di ottenere dei ricavi apprezzabili anche con strumenti finanziari a bassa resa.

Argomenti dell’articolo:

  • Iniziare ad abbozzare una minimale diversificazione
  • Meglio non usare tutta la cifra per fare trading online
  • Strategie di investimento possibili (esempi)
  • L’investimento di valuta nel suo complessivo

Come investire 5.000 euro

Oggi parleremo di come investire 5000 euro. Rispetto ad investire i 1000 euro che abbiamo visto nello scorso articolo, siamo in una situazione che ci permette di fare diverse scelte.

Tuttavia, la cifra dei 5000 euro non è da considerarsi necessariamente come più semplice da trattare, in quanto non è ne una cifra esigua ma nemmeno una cifra che permette di guadagnare in modo apprezzabile senza fare nulla. Diciamo che è una cifra che possiamo definire “insidiosa”.

Argomenti dell’articolo:

  • Utilizzare i 5000 euro per un investimento una tantum
  • Investire 5000 euro per farli rendere il più possibile
  • Puoi investire sia in azioni che in obbligazioni che in commodities
  • Meglio utilizzare un ETF
  • Se vuoi puoi anche fare trading online

Come investire 1.000 euro

La scorsa settimana ho pubblicato un video su come investire 100 euro. Partivo dal presupposto che una cifra così bassa, se si dispone in modo costante tutti i mesi, può permettere degli sviluppi interessanti.

Una cifra di 1000 euro, invece, per la stragrande maggioranza di chi vedrà questo video non è plausibile che la si disponga tutti i mesi, e quindi occorre valutare se ci sono investimenti che si possono fare con tale cifra in un unica soluzione.

Certo, con 1000 euro stiamo stretti ma qualcosa si può fare.

Argomenti dell’articolo:

  • Perché devi scartare tutti gli investimenti a basso rischio e a bassa resa
  • Investire solo in mercati che abbiano senso con una cifra così bassa!
  • Investire e non pensarci più? Oppure marcare stretti gli investimenti?
  • Scegliere i momenti giusti per investire e disinvestire
  • Imparare ad investire a livelli semi-professionali

Come puoi guadagnare con il trading online

Negli ultimi anni sono sempre più numerosi quelli che hanno deciso di guadagnare con il trading online, che spinti dalla voglia di cambiare il corso della propria vita, si sono buttati su questo genere di investimenti finanziari sperando di ottenere maggiori guadagni investendo in borsa grazie a internet.

Chi spinto dalla passione per il mondo della borsa, chi invece, sperando di risollevare la propria situazione economica, diversi sono i neofiti che hanno raggiunto successivamente grandi risultati nonostante i rischi legati a questa tipologia di investimento.

Conosciuto anche con l’acronimo di “TOL”, il trading online è uno strumento ideale per chi possiede un conto in una banca online e vuole investire parte del proprio capitale in Borsa.

Un’operazione alla portata di tutti e che consente di effettuare, comodamente da casa propria tramite un computer collegato alla rete, la compravendita di strumenti finanziari.

I guadagni derivano dalla variazione delle quotazioni degli asset messi in portafoglio nei mercati finanziari.

Infatti è possibile fare trading online su diversi mercati, come ad esempio quello delle materie prime (dette commodities), del forex, oppure anche in azioni, futures, ETF, opzioni binarie e classiche, contratti per differenza eccetera.

Argomenti dell’articolo:

Tutto ciò che devi sapere sul TFR

Questo sito parla di investimenti (in generale) e di come investire al meglio i propri soldi, tuttavia, tra le domande che mi vengono fatte sempre più spesso in via privata, moltissime riguardano per lo più il TFR, meglio noto come trattamento di fine rapporto.

Il TFR consiste in una retribuzione salariale differita, versata dal datore di lavoro nel momento in cui il rapporto lavorativo si interrompe. Pertanto, esso può essere percepito tipicamente in 4 occasioni:

  • Dimissioni: cioè quando decidi di lasciare volontariamente un posto di lavoro, sia perché hai trovato qualcosa di meglio sia che decidi di lasciarlo per qualunque altro motivo. In definitiva, in questo caso, te lo devono dare sempre e senza fare storie!
  • Licenziamento: in pratica quando, per qualsiasi motivo, il datore di lavoro decide di licenziarti.
  • Licenziamento collettivo: in questo caso si intende il licenziamento per chiusura dell’azienda, oppure per ridimensionamento del personale. Anche in questo caso l’azienda ti dovrà elargire il TFR come liquidazione finale del rapporto lavorativo.
  • Pensionamento: è il caso più comune e, come facilmente intuibile, consiste pienamente in una cessazione del rapporto di lavoro. Di conseguenza, il datore di lavoro dovrà versarti il TFR come buonuscita.

Dopo aver visto brevemente cos’è il TFR, qui di seguito elenco gli argomenti più gettonati nelle e-mail che ho ricevuto. In questo modo, cercherò di dare una risposta quanto più esauriente possibile alle varie questione che spesso vengono sollevate da chi mi fa domande su queste tematiche.

Argomenti dell’articolo:

Conviene ancora investire in immobili nel nostro paese?

Nel nostro paese c’è sempre stato il “mito” dell’investire in immobili. Il perché di questo modo di pensare è facile da intuire: tutte le persone che conosciamo investono o hanno investito almeno per l’acquisto della propria abitazione.

La casa è, tra le altre cose, un bene tangibile: la puoi toccare, occupa molto spazio (e quindi si nota), vi si trascorre molto tempo al riparo dalle intemperie dando quindi un senso di protezione e tranquillità (che inconsciamente si proietta nella psicologia dell’investimento) e infine riveste il ruolo di “ossessione quotidiana” dell’italiano medio.

Ma, al di là di quelli che sono certi luoghi comuni, vediamo cosa significa veramente e cosa comporta il voler investire in immobili!

Visto che tutti danno una grande importanza alla casa, quando dici che hai acceso un mutuo per il suo acquisto nessuno dirà mai: “Ma sei pazzo! E se poi si deprezza, oppure un terremoto la butta a terra potresti perdere tutti i tuoi soldi…”. No, non sentirai mai questi discorsi, anzi, ti diranno bravo… Così almeno alla fine di 40 anni (di soffocanti rate del mutuo!) ti rimane la casa di proprietà.

Argomenti dell’articolo: