Come investire 5.000 euro

Oggi parleremo di come investire 5000 euro. Rispetto ad investire i 1000 euro che abbiamo visto nello scorso articolo, siamo in una situazione che ci permette di fare diverse scelte.

Tuttavia, la cifra dei 5000 euro non è da considerarsi necessariamente come più semplice da trattare, in quanto non è ne una cifra esigua ma nemmeno una cifra che permette di guadagnare in modo apprezzabile senza fare nulla. Diciamo che è una cifra che possiamo definire “insidiosa”.

Argomenti dell’articolo:

  • Utilizzare i 5000 euro per un investimento una tantum
  • Investire 5000 euro per farli rendere il più possibile
  • Puoi investire sia in azioni che in obbligazioni che in commodities
  • Meglio utilizzare un ETF
  • Se vuoi puoi anche fare trading online

Come investire 5000 euro

Come investire 5000 euro

Bene, prima di iniziare a considerare i vari strumenti che puoi utilizzare per investire devi porti una domanda fondamentale: che cosa ti aspetti di ottenere da questi 5000 euro?

Se intendi farli fruttare il più possibile e non è per te un problema dedicarci anche svariate ore al giorno a stare davanti il monitor di un computer, è un paio di maniche. Se invece li vuoi solo accantonare è un altro paio di maniche. Nel mezzo ci sono anche altre opzioni possibili.

Vedo quindi di fornirti un elenco di possibili soluzioni in base ai vari obiettivi che potresti avere.

Inizio dal caso in cui li vuoi semplicemente accantonare e il rendimento annuale non è un problema.

In questo caso puoi utilizzare una miriade di soluzioni ma ovviamente ti conviene puntare a qualcosa che sia per lo meno garantito o che abbia un qualche tipo di vantaggio anche indiretto. Già che ci sei almeno sfrutti al meglio la situazione.

In questi casi consiglio sempre di puntare agli investimenti postali come i buoni fruttiferi o i conti di deposito. In passato vi ho dedicato un paio di articoli agli investimenti postali. Inutile che sto qui a duplicare i miei stessi contenuti allungando inutilmente questo articolo.

Alternative possibili sono i conti di deposito bancari, tipo il conto arancio per intenderci, oppure dei titoli di Stato nazionali. Tuttavia, visto la cifra esigua che non permette di diversificare, eviterei i titoli di Stato e mi concentrerei sugli investimenti postali o i conti deposito che godono di alcuni vantaggi interessanti che non hanno i titoli di Stato.

Se invece ti interessa che questi soldi rendano e sei però disposto a correre qualche rischio ma pur sempre contenuto, ma non hai tuttavia molto tempo da dedicarci, allora puoi passare al capitolo investimenti.

Puoi valutare sia gli investimenti obbligazionari sia quelli azionari, e perché no, puoi puntare anche a qualche commodities. Ovviamente il segreto di ogni buon investimento è sempre la diversificazione, tuttavia, con 5000 euro non è che si può diversificare molto.

Il segreto in questo caso è quello di utilizzare dei fondi comuni che garantiscono già una abbondante diversificazione. Inoltre, visto la cifra bassa e visto il fatto che si punta alla resa, quello che ti consiglio è di utilizzare un fondo a gestione passiva come l’ETF in quanto hanno un basso costo di esercizio.

Ovviamente punterai ad un etf obbligazionario se vuoi un investimento con una resa stabile, anche se in questo caso il rendimento molto difficilmente supererà i 3% annui, tranne che non selezioni un fondo obbligazionario di paesi emergenti che può rendere anche molto ma è anche particolarmente rischioso anche se ben diversificato.

Altrimenti puoi puntare a un etf azionario che ovviamente avrà una quotazione oscillante come appunto il mercato azionario. Tuttavia nel lungo periodo rende molto di più di un fondo obbligazionario!

I fondi in materie prime, invece, non hanno una resa ma oscillano nel prezzo in base alla domanda e all’offerta delle materie prime nel mondo. In questo caso occorre cercare la commodities che al momento è sotto-quotata e metterla in portafoglio, per poi rivenderla dopo tempo, quando magari le stesse materie prime saranno sovra quotate. Semplice a dirlo ma difficile a farlo, in quanto occorrono competenze specifiche del settore.

Se invece per te non è un problema dedicare tempo agli investimenti e cerchi un vero e proprio lavoro puoi sempre optare per fare trading.

Certo, non ti consiglio di puntare tutti e 5000 euro nell’attività di trading, ma mi limiterei ad utilizzare 1000 euro, come consigliato nel precedente articolo, e magari gli altri 4000 li metti in un conto di deposito. Quando poi sarai più esperto incrementerai via via le posizioni per guadagnare di più…

Ok, per questo video e’ tutto e chiudo ricordandoti di iscriverti alla mia newsletter cliccando nel banner che trovi sotto a questo articolo per ricevere i 7 video gratuiti sugli investimenti.

Come investire 5000 euro