Investire in immobili Archive

Il leasing

Oggi parlerò del leasing che non è solamente uno strumento finanziario in mano alle imprese ma ha utilizzi interessanti anche da parte dei privati cittadini che non hanno partita iva.

Probabilmente i più lo conoscono per via dell’uso sempre più frequente nell’acquisto di un automobile, ma in realtà ci sono anche altri campi in cui lo si può applicare con risvolti interessanti, come ad esempio in quello immobiliare.

Argomenti dell’articolo:

Affitto con riscatto e Nuda proprietà

A partire dal 2014 è entrato in vigore la legge sugli affitti con riscatto. E’ una tipologia di contratto che permette di usufruire di un immobile in affitto ed usare i canoni di locazione, o una parte di essi, come anticipo per l’acquisto futuro dell’immobile.

Questa tipologia di contratto è diventata famosa per via della ormai marcata mobilità delle persone e per la precarietà del lavoro. Con un affitto con riscatto il locatario può impegnare l’immobile e iniziare a pagarlo decidendo successivamente se riscattarlo o lasciar perdere.

Argomenti dell’articolo:

I mutui

Oggi esaminerò uno degli argomenti più importanti per un risparmiatore o un investitore: il mutuo.

Il mutuo è un contratto mediante il quale un soggetto detto mutuatario prende in prestito una somma di denaro, che si obbliga a restituire nel tempo ad un altro soggetto chiamato mutuante, dietro il pagamento di un interesse.

I mutui possono essere stipulati per varie motivazioni e possono avere diverse caratteristiche, sia nel modo in cui vengono calcolati i tassi di interesse, sia nel sistema di ammortamento previsto per il rimborso.

In questo articolo cercherò di fornirti delle informazioni schematiche atte a illustrarti in grandi linee il funzionamento dei mutui.

Argomenti dell’articolo:

Conviene ancora investire in immobili nel nostro paese?

Nel nostro paese c’è sempre stato il “mito” dell’investire in immobili. Il perché di questo modo di pensare è facile da intuire: tutte le persone che conosciamo investono o hanno investito almeno per l’acquisto della propria abitazione.

La casa è, tra le altre cose, un bene tangibile: la puoi toccare, occupa molto spazio (e quindi si nota), vi si trascorre molto tempo al riparo dalle intemperie dando quindi un senso di protezione e tranquillità (che inconsciamente si proietta nella psicologia dell’investimento) e infine riveste il ruolo di “ossessione quotidiana” dell’italiano medio.

Ma, al di là di quelli che sono certi luoghi comuni, vediamo cosa significa veramente e cosa comporta il voler investire in immobili!

Visto che tutti danno una grande importanza alla casa, quando dici che hai acceso un mutuo per il suo acquisto nessuno dirà mai: “Ma sei pazzo! E se poi si deprezza, oppure un terremoto la butta a terra potresti perdere tutti i tuoi soldi…”. No, non sentirai mai questi discorsi, anzi, ti diranno bravo… Così almeno alla fine di 40 anni (di soffocanti rate del mutuo!) ti rimane la casa di proprietà.

Argomenti dell’articolo:

Perché investire in fondi immobiliari

Investire in fondi immobiliari è una soluzione amata da molti risparmiatori. Infatti, da sempre, soprattutto qui in Italia, investire in immobili è considerata quasi una certezza nonostante il periodo di grave crisi economica che stiamo vivendo nell’ultimo decennio.

La precarietà del lavoro degli ultimi anni ha messo a dura prova molti degli investitori italiani, che sempre più spesso hanno preferito investire i propri capitali in prodotti finanziari più facilmente liquidabili, in modo da poter attingere nei momenti di bisogno senza essere costretti a dover mettere in vendita un’immobile che magari rimane sul groppone.

Il settore del risparmio negli ultimi anni ha quindi subito una particolare trasformazione, che ha permesso la promozione di prodotti innovativi in grado di soddisfare le svariate esigenze dei “nuovi” clienti e di queste nuove esigenze.

Grazie ai fondi comuni di investimento immobiliare è stato possibile trasformare degli investimenti immobiliari, che per natura richiedono tempi lunghi di ammortamento nonché incertezza reddituale, in quote di attività finanziarie che consentono di generare ricavi senza bisogno di acquistare immobili e con la possibilità di rivenderli senza passare da notai o dal mercato immobiliare.

Argomenti dell’articolo:

Come funziona la surroga del mutuo

Introdotta già nel 2007 e successivamente dalla Legge Finanziaria del 2008, nota anche come Legge Bersani, la surroga del mutuo è una procedura che consente di trasferire il proprio mutuo da una banca a un’altra a costo zero, permettendo di modificare i parametri del mutuo già contratto.

Ma vediamo adesso la surroga mutuo come funziona.

Ti sarà quindi possibile, facendo una richiesta di surroga del mutuo, ridurre notevolmente l’importo della rata mensile modificando i parametri del mutuo in corso, come durata e tasso applicato, e lasciando invariato il debito residuo.

Questo ti permette di trasformare il vecchio mutuo in un’offerta molto più conveniente!

Pertanto tutti i mutuatari, onde sfruttare la maggiore convenienza dei nuovi tassi rispetto a quelli del passato, possono cambiare il proprio mutuo ipotecario già contratto con uno nuovo.

Ma come funziona la surroga e chi può richiederla?

Argomenti dell’articolo: